Pubblicità

Se sei un azienda o un privato e vuoi raggiungere maggiore visibilità sul Web e sui maggiori SocialMedia, testerò e recensirò i prodotti che vorrai inviarmi. Se sei interessato, non esitare, Scrivi allo Staff di "In cucina per divertimento"

Lettori fissi

venerdì 18 aprile 2014

Provato per voi: Mr Muscle Active Capsules

Ciao, domenica è Pasqua, le uova sono state comprate, e io posso finalmente dedicare qualche minuto alla mia attività preferita...quella di Tester! Questa volta vi parlo di un progetto di TRND dedicato alla cura della nostra casa: Mr Muscle Active Capsules infatti è un detergente multi-superficie in pratiche capsule concentrate, che permette di pulire a fondo come un detergente multiuso.


Ecco il kit che io, insieme agli altri 4999 Trnder selezionati, abbiamo ricevuto:

- 3 confezioni (da 12 capsule ciascuno) di Mr Muscle Actives Capsules fragranza "Ocean Shores"
- 3 confezioni (da 12 capsule ciascuno) di Mr Muscle Actives Capsules fragranza "Joy of Spring"
- 18 cartoline Mr Muscle Active Capsules
- 20 Post-it che illustrano l'utilizzo di Mr Muscle Active Capsules 



Sono diversi i vantaggi che questo prodotto ci offre:

• Facile da dosare: basta una capsula. Il dosaggio è semplice e sempre corretto rispetto ai frequenti sovradosaggi in cui si incorre utilizzando il tappo dei normali detergenti.
• Facile da trasportare: 90% di peso in meno dovuto alla minore presenza di acqua.
• Facile da conservare: 80% di ingombro in meno rispetto ai flaconi tradizionali. Inoltre il tappo è dotato di chiusura di sicurezza a prova di bambino! 
L'utilizzo poi è molto semplice: basta far sciogliere una capsula in 4 litri di acqua e il gioco è fatto! Inoltre non occorre risciacquare, quindi fatica e tempo in meno. Io, dato che non utilizzo acqua calda per lavare i pavimenti, l'ho testato soprattutto con acqua fredda ma il risultato è stato comunque ottimale. L'unica differenza è che la capsula impiega qualche minuto in più per sciogliersi. Inoltre la mia fragranza preferita è stata senza dubbio la "Joy of Spring". 
Ecco alcune foto realizzate durante la mia prova sul pavimento in gres della cucina:

L'unica nota negativa, se così si può dire, è forse il costo: il prezzo di vendita consigliato infatti è di 2,19€, forse un pò troppi considerando che che ci sono solo 12 capsule, ma basterà stare attenti alle promozioni del nostro supermercato di fiducia, per poterlo acquistare ad un prezzo per noi più vantaggioso!
Prima di salutarvi vi ricordo che anche voi potete far parte della community di TRND, per info www.trnd.com
Alla prossima! :-)






sabato 12 aprile 2014

No Cuba Libre, No Party!

Oggi ci trasferiamo virtualmente a Cuba per parlare di uno dei drink più famosi al mondo: il Cuba Libre. Sull'origine del nome sono state fatte molte ipotesi. Una delle più suggestive afferma che il Cuba libre nacque per festeggiare l'indipendenza di Cuba dalla Spagna, ottenuta con l'aiuto degli Stati Uniti: un barman cubano mescolò quindi la Coca Cola (prodotto tipico statunitense) al rum (prodotto tipico cubano) per unire simbolicamente le due nazioni. 

Nel 1991 un gruppo di imprenditori panamensi ha lanciato il Cuba Libre in lattina, conquistando da subito l'America con il suo sapore e la qualità, fino a sbarcare in Europa, nel mercato spagnolo e italiano. 
Per l'Italia l'azienda che si occupa in esclusiva dell'importazione del Cuba Libra in lattina è la SAIMEX FOOD&BEVERAGE che vi proprone un'interessantissima offerta per ricevere comodamente a casa vostra l'Original Cuba Libre per rendere speciali tutti i vostri party!


Io ho avuto il piacere di provarlo e di farlo provare anche ai miei familiari, ed ha riscosso molto successo per il suo sapore fresco e gradevole e per la sua bassa gradazione alcolica.


Se anche voi volete usufruire della promozione vi basterà andare sul sito www.originalcubalibre.it

E ricordatevi...No Cuba Libre, No Party! ;-)



giovedì 10 aprile 2014

Involtini di pollo ai carciofi

Ingredienti per 2 persone:

- 4 fettine di pollo
- 4 fettine al parmigiano reggiano
- olio evo q.b.
- vino bianco q.b.

Prendere le fettine di pollo, e con l'aiuto di un batticarne, cercare di appiattirle il più possibile. Distribuire  sopra una fettina al parmigiano reggiano e la crema ai carciofi siciliani Agromonte. 


Arrotolate quindi le fettine di pollo e chiudetele utilizzando uno spago da cucina (o in alternativa degli stuzzicadenti).
Mettere ora in una padella un filo di olio e quando sarà caldo aggiungere i nostri involtini. Far cuocere qualche minuto e infine versare un bicchiere circa di vino bianco. Far sfumare e portare al termine la cottura (circa 15 minuti), rigirando spesso gli involtini. Servire subito.


martedì 8 aprile 2014

Provato per voi: Pasta De Cecco

Ciao! Mio fratello sta partecipando al progetto Pasta De Cecco di Trnd, ed essendo la sua prima esperienza come tester, lo sto aiutando a svolgere al meglio questo compito. Ho deciso così di dedicargli uno spazio sul mio blog, mostrandovi alcuni dei suoi esperimenti in cucina. Non c'è bisogno di troppe parole per presentarvi questa azienda che dal 1886 produce una pasta di alta qualità, utilizzando solo le migliori materie prime. Prodotta in oltre 200 formati diversi, la pasta De Cecco è acquistabile in qualsiasi supermercato ad un prezzo consigliato di 1,39€ (confezione da 500g).

Lo starter kit che De Cecco ha inviato a tutti i 1000 trnder selezionati, era così composto:

- 4 confezioni di pasta De Cecco da 500g cad. (2 confezioni di spaghetti e 2 di penne lisce)
- 1 vetrino per fare il test di cottura della pasta
- 1 catalogo di prodotti De Cecco
- 20 buoni sconto da 0,80€ per acquistare una confezione di spaghetti De Cecco da 500g 


Ma ora passiamo al lato pratico, ovvero...ma è veramente buona questa pasta, come dice anche il tipo dello spot? Io ho avuto modo di provare entrambi i formati (spaghetti e penne lisce) e devo dire che la differenza rispetto alle altre marche (ovviamente tra quelle che conosco io) è notevole. Il colore della pasta, la tenuta in cottura (a me piace cuocerla sempre qualche minuto in più di quello indicato sulla confezione) e soprattutto un'ottima capacità di esaltare qualsiasi tipo di condimento. 
Ovviamente per avere un risultato eccellente basta seguire alcune semplice regole che abbiamo trovato sul manuale:

- il rapporto tra acqua e pasta deve essere minimo di 1 a 10 (ad esempio per 500g di pasta servono almeno 5 litri di acqua);
- la pasta va gettata solo quando l'acqua bolle vivacemente;
- non bisogna dimenticarsi di girare la pasta;
- meno si cuoce la pasta e minore è la resa: una pasta di ottima qualità deve risultare completamente cotta in modo da apprezzare al meglio il gusto e la consistenza.

Possiamo verificare la perfetta cottura della pasta con un semplice test: durante le prime fasi di cottura la parte esterna già cotta è traslucida mentre la parte interna cruda, detta "animella", è bianca. Il punto ideale di cottura si raggiunge quando la parte bianca, ovvero l'animella, scompare. Il metodo più semplice per verificarlo è tagliare la pasta con un coltello e controllare la sezione di taglio. Noi ci siamo divertiti utilizzando il vetrino in dotazione.



Per finire vi mostro alcuni piatti preparati con la pasta De Cecco:

Spaghetti alla carbonara (spaghetti n. 12)

Penne panna e salmone (penne piccole rigate n.177)

Penne pomodoro fresco e mozzarella (penne lisce n.40)

E dopo tutte queste foto, vi saluto e vado a mangiare un bel piatto di pasto...ovviamente De Cecco!

Tortino Veg

Oggi vi voglio proporre una ricetta del "riciclo". In questo periodo mi avanzano sempre delle verdure bollite dal brodo che preparo per la mia piccola di quasi 7 mesi. Quindi ogni giorno mi devo inventare qualcosa per renderle più appettibili per noi adulti. Questa volta ho realizzato dei tortini vegetariani.



Ingredienti per 2 tortini:

- 1 patata grande
- 2 carote
- 2 zucchine
- cipolla q.b.
- pepe q.b.
- sale q.b.
- erba cipollina q.b.
Mettere in una padella un filo di olio extra vergine Condisano Dante e far soffriggere le cipolle, aggiungere quindi le verdure bollite, tagliate a pezzetti, e farle cuocere per pochi minuti in modo da farle prendere sapore. Aggiungere sale e pepe.
Schiacciare ore le verdure con una forchetta e riempire gli stampini. Sformare quindi i nostri tortini nel piatto e spolverarli con l'erba cipollina. Io li ho serviti accompagnandoli con una salsa allo yogurt aromattizata alle erbette.



venerdì 4 aprile 2014

Torta della nonna

Finalmente sono riuscita a preparare la torta della nonna. Ho voluto provare la ricetta pubblicata sul sito di Giallo Zafferano (con qualche piccola variante) ed è il risultato è stato ottimo!



Ingredienti per la frolla:

- 400g di farina
- 150g di zucchero al velo
- 1 bustina di vanillina
- 1 pizzico di sale
- 4 tuorli

Per la crema pasticcera:

- 1 litro di latte fresco
- 8 tuorli d'uova
- 250g di zucchero
- 1 bustina di vanillina
- 80g di farina

Per decorare:

- 120g di pinoli (anche se io ne ho messi di meno)
- zucchero al velo q.b.

Per preparare la frolla mettere in una ciotola capiente la farina, lo zucchero, il burro tagliato a pezzetti, i tuorli, la vanillina e un pizzico di sale. Impastare rapidamente il tutto fino ad ottenere un impasto compatto ed abbastanza elastico. Formate una palla, avvolgete nella pellicola e lasciatela riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Nel frattempo preparare la crema pasticcera mettendo sul fuoco un tegame capiente con il latte (tenendone da parte mezzo bicchiere) e la vanillina portate a leggera ebollizione il tutto, quindi togliete il tegame dal fuoco e lasciate intiepidire. 
In una terrina a parte, utilizzando uno sbattitore elettrico, lavorate i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere una crema spumosa e biancastra. Continuando a sbattere unite  a filo un terzo del latte tiepido.
Incorporate quindi la farina setacciata, unendola poco alla volta. Versate il composto di uova, farina, zucchero e latte nella stesso tegame. Rimettete il tutto sul fuoco e portate ad ebollizione, mescolando frequentemente.
Lasciate sobbollire a fuoco dolce per qualche minuto, continuando a sbattere con la frusta per evitare che si formino grumi, fino a quando la crema non si sarà addensata. Prendete ora il mezzo bicchiere di latte freddo che avevate tenuto da parte e unitelo a filo alla crema pasticcera, mescolando di tanto in tanto. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

Togliete quindi dal frigorifero la pasta frolla, prendete 2/3 dell'impasto e stendetela in una tortiera di circa 24 cm, formando un bordo di circa 2 cm. Con una forchetta bucherellare la superficie della frolla e versarvi infine la crema pasticcera. Stendere la restante frolla posizionarla sulla torta in modo da chiuderla. Bucherellate sempre la frolla con la forchetta, spennellate la superficie con del latte e distribuitevi i pinoli. 

Preriscaldate il forno a 180* e cuocere per circa 35 minuti.
Prima di servirla spolverizzatela con lo zucchero al velo.